Archive for 24 ottobre 2014

Canapa: Breeding e il rilascio di nuove varietà

Negli anni ’50 e ’60 in Italia è stata svolta una intensa attività di miglioramento genetico della canapa, finalizzata all’incremento del contenuto in fibra nello stelo. Il lavoro ha interessato la selezione di vecchie popolazioni dioiche di origine italiana e tedesca.
Attualmente, nel Registro varietale europeo sono iscritte 20 varietà. Attualmente, l’ISCI svolge attività di miglioramento genetico volto alla riduzione dei livelli di THC nelle varietà Carmagnola, C.S. e Fibranova, ed alla costituzione di nuove varietà ad alta resa in fibra, basso contenuto di THC e diversa durata del ciclo biologico.

Carmagnola
Si tratta di una vecchia popolazione italiana, largamente coltivata in passato nelle aree canapicole del nord Italia. E’ caratterizzata da elevata rusticità, da buona capacità produttiva e, soprattutto da elevata qualità della fibra. Inoltre, è anche dotata di buona resitenza all’orobanche e alla scavezzatura.

C.S. (Carmagnola Selezionata).
E’ stata ottenuta in Emilia, per selezione della Carmagnola originaria. Rispetto a quest’ultima di solito presenta maggiore vigore e maggiore resa.

Fibranova
È stata ottenuta in Emilia, selezione di materiale di origine tedesca. Rispetto alle varietà precedenti si differenzia per l’elevata capacità produttiva e per la maggiore percentuale in fibra dello stelo.

Fibritalia
Cultivar dioica di nuova costituzione, dotata di buon adattamento ambientale, notevole vigore vegetativo, resistenza alla prefioritura, basso livello di THC e buona resa in fibra. Quest’ultima è idonea sia per impieghi tessili che per altri usi (compositi, cellulosa, geotessili, ecc.). Il ciclo di maturazione è medio-tardivo.

Fibrimor
Varietà dioica di nuova costituzione. Presenta elevato adattamento ambientale, buon vigore vegetativo, bassissimo contenuto di THC, ciclo tardivo e buone performence produttive in biomassaed in fibra. Idonea per svariate destinazioni d’uso.

Red Petiole
Cultivar dioica, con discrete capacità produttive, adatta alla produzione di fibra di qualità per uso tessile. Presenta picciolo fogliare colorato (violaceo) associato a bassissimo contenuto di THC.

da: Istituto Sperimentale per le Colture Industriali Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

fonte: www.isci.it

È canadese il primo aereo di canapa: pronto a volare nel 2015

Derek Kesek sta realizzando il suo sogno. La gente rideva quando lui, ex proprietario di un ristorante biologico, annunciava che avrebbe volato con la canapa. Ora non si ride più, si impara.

aereo_canapa

di Giovanni Fez – 23 Ottobre 2014

Una società canadese chiamata Hempearth, con sede a Waterloo (Ontario), ha firmato un contratto con un produttore di aerei della Florida per costruire un aeroplano fatto pressochè interamente di canapa, almeno per il 75%. Sarà il primo al mondo, annuncia il quotidiano The Star e sarà pronto per il suo primo volo già nel 2015. La canapa fungerà anche da carburante. La canapa appartiene alla famiglia della cannabinacee ed è una pianta dagli steli molto robusti. Viene usata per fare T-shirt, saponi, corde, olio e per uso alimentare; se ne sta riscoprendo l’utilizzo nella bioedilizia e ora servirà anche per gli aeroplani. Kesek è entusiasta ed è convinto che il suo aeroplano rappresenterà una rivoluzione, «come Steve Jobs con i cellulari» ha detto. «La canapa è una coltura sostenibile, non necessita di pesticidi o erbicidi per crescere, quindi l’apparecchio avrà un’impronta ambientale estremamente più contenuta rispetto ad un aereo standard» aggiunge Kesek. «Tutti mi dicevano che era impossibile, che non ce l’avrei mai fatta e io rispondevo: state a vedere. Ora tutti quelli che mi scoraggiavano vengono a vedere cosa sto facendo». Il Canada ha legalizzato le coltivazioni di canapa industriale già alla fine degli anni ’90 del secolo scorso, ma in alcuni stati americani è ancora illegale, quindi tanti si riforniscono in Canada. La canapa viene spesso associata alla “cugina” marijuana e Kesek fin da subito ha voluto chiarire che non ha nulla a che fare con quell’ambito. «La mia società non si occupa affatto di marijuana, si occupa di canapa industriale». La realizzazione materiale dell’apparecchio verrà eseguita dalla Velocity Inc. americana, partendo da un progetto di mezzo milione di dollari. Sui prototipi è stato anche fatto un esperimento: alcuni addetti hanno provato a danneggiare un aereo in materiale convenzionale e uno in canapa e hanno visto che quello di canapa è ugualmente resistente, se non di più. La Velocity Inc. sta aspettando da Kesek la conferma che il progetto ha sufficienti finanziamenti per partire. L’ideatore conta di raccogliere il 30% di quanto necessario da finanziatori privati per poi avviare una raccolta fondi su internet con la forma del crowdfunding.

Nel video che segue Kesek mostra come, oltre agli aerei, tante altre cose possano essere realizzate in canapa (oltre 25mila prodotti) comprese le chitarre.

Cosa vogliamo raccogliere?

La canapa è sempre stata coltivata per utilizzarne la fibra, ma oggi possiamo indirizzare la produzione agroindustriale anche verso altri utilizzi e questo ha un effetto sulle tecniche di raccolta e di trasformazione del prodotto agricolo. Distingueremo dunque la raccolta della canapa in funzione del prodotto principale che vorremo ottenere, o in base alle richieste specifiche del trasformatore.

  1. fibra
  2. canapulo
  3. seme
  4. infiorescenze e foglie

  1. per ottenere fibre l’epoca di raccolta è precoce, alla fine della fioritura, quando la pianta ha concluso la fase di accrescimento, circa 90-100 giorni dopo la semina. Per produrre prevalentemente fibra si sarà effettuata una semina ad alta densità (circa 150 piante/m2 = 50-60 kg/ha di sementi), quindi gli steli avranno poche ramificazioni, foglie e fiori, tutti concentrati sulla sommità.I metodi di raccolta sono diversi se si intende ricavare fibra lunga tessile o fibra corta. Nel primo caso la tecnica classica e’ quella ancor oggi impiegata nei paesi dell’est europa con le mietileghe Beshetzk k-19.Nel secondo caso si possono impiegare falciatrici di vario tipo, dalla comune barra bilama per la fienagione, alla falciacondizionatrice tipo Heston, a macchine specifiche che tagliano gli steli su due o più livelli, modello Paulitz o Tebeco, in modo da ottenere spezzoni di 30-50 cm. In entrambi i casi il raccolto sarà lasciato essiccare in campo, sia che si tratti di covoni o di andane da ranghinare, e poi verrà confezionato in balle e stoccato in aree protette in attesa di essere “stigliato”.
  2. se la fibra è considerata un prodotto secondario e vogliamo ottenere prevalentemente canapulo per usi edilizi o come lettiera zootecnica, allora possiamo anche, in alternativa alla raccolta descritta per le fibre corte, effettuare una trinciatura, con la testata tipo Kemper, meglio se è’ specifica per la canapa, tipo Wittrok
  3. volendo raccogliere il seme, dovremo attendere che maggior parte dei semi siano maturi. Dato però che maturazione è scalare, cioè non avviene contemporaneamente per tutti i semi, dovremo necessariamente trovare una fase in cui la maggior parte dei semi sono già liberi dalla pellicola verde che li ricopre (brattea) e sono quindi pronti. A questo punto ne avremo già perso una certa quantità, che è’ caduta a terra, mentre un’altra parte dei semi non saranno abbastanza maturi da poter essere trebbiati con successo. In pratica, se la quantità di seme teoricamente disponibile sulla pianta si fa pari a 100, ne potremo effettivamente trebbiare il 60-70% cioè una quantità compresa tra 400 e 1000 kg/ha.Il dato e’ molto variabile perché dipende in parte dalla quantità di seme che una determinata varietà e’ effettivamente in grado di produrre in una data situazione pedo-climatica, e per un’altro verso dall’efficenza della mieti-trebbia impiegata e dalla perizia dell’operatore. Occorrerà infatti alzare la barra falciante ad un’altezza tale che porti nella coclea le cime piene di semi e la minor quantità possibile di steli e foglie; bisogna regolare il flusso del prodotto da trebbiare in modo che si possano distaccare la maggior parte di quei semi che non sono ancora del tutto maturi, senza rischiare però di perdere gli altri, quelli già maturi che cadono facilmente.Una volta scaricata la mietitrebbia occorre asciugare il seme greggio nel più breve tempo possibile, stendendolo a terra in un luogo asciutto e ventilato oppure adoperando essiccatori convenzionali adattati alla dimensione del seme di canapa.L’ultima operazione necessaria e’ la vagliatura, che consente di ottenere un prodotto pulito, che sia adatto ad essere pressato, per farne olio, oppure decorticato, per usi alimentari.Fino a qui si è parlato delle operazioni necessarie ad ottenere un prodotto agricolo valido, che abbia un buon valore qualitativo e sia adatto alle successive operazioni di trasformazione, spremitura o decorticazione; da qui in avanti dipende dal trasformatore fare buon uso dei semi e produrre olio di qualità, e per questo si rimanda ad un altro articolo che apparirà presto sul nostro sito.
  4. un’altra possibilità è la raccolta di fiori e foglie per ottenerne olio essenziale, con estrazione a vapore o solventi. L’epoca della raccolta è a fioritura avanzata. Il metodo di raccolta che abbiamo sperimentato non prevede per ora operazioni meccanizzate. Si deve tagliare la cima fiorita e provvedere immediatamente ad eliminare lo stelo. Il prodotto verrà consegnato il più presto possibile al trasformatore per la successiva lavorazione.Si direbbe che questa operazione di raccolta escluda la possibilità di ottenere poi i semi e si potrebbe pensare che danneggi la pianta al punto di fermarne la crescita, invece abbiamo constatato, nel corso di test ripetuti, che i palchi di rami inferiori al taglio dello stelo si sviluppano con vigore e vanno a seme; in molti casi nel punto in cui lo stelo e’ stato tagliato si diramano due nuove punte. Il risultato e’ che la pianta avrà 4-6 cime con seme ed un’altezza contenuta, che non dispiacerà a chi dovrà effettuare in seguito la mietitrebbiatura.

Le paglie
Qualsiasi tipo di raccolta abbiamo scelto per la nostra coltura di canapa, ci troveremo a raccogliere una quantità maggiore o minore di steli , (da 4 a 10 tonnellate), più o meno lunghi – da 30 a 200 cm. – e di diametro variabile – da 10 a 200 mm. –

Anche l’aspetto delle paglie, il colore, verde o marrone chiaro, sarà diverso, in conseguenza della permanenza in campo dopo il taglio, e quindi diverso sarà il grado di macerazione. Ancora, bisogna che le paglie pressate siano stoccate convenientemente in attesa del momento, in cui verranno conferite ad un trasformatore o lavorate sul posto. Questo vuol dire impilare adeguatamente le presse e proteggerle dalla pioggia.

Queste variabili determinano la qualità delle paglie e quindi il loro valore commerciale; in genere, per quasi tutte le applicazioni si considera che un prodotto di buona qualità deve essere costituito da steli di diametro medio pari a 10 mm., di lunghezza non superiore a 50cm. (salvo i casi particolari in ci si vuole ottenere fibra lunga) , di colore giallo paglierino, senza macchie scure, con umidità non superiore al 12-15%.

Conclusioni
Dalla buona riuscita delle operazioni di raccolta e di stoccaggio del prodotto agricolo dipende in gran parte il raggiungimento di buoni standard di qualità e, di conseguenza una remunerazione del raccolto soddisfacente.

Toscanapa è impegnata a veicolare le informazioni più importanti e dettagliate possibile, per mettere in grado i propri soci e quanti si riferiscono alla nostra associazione di produrre canapa ai massimi livelli. Non esiste altra strada per creare un mercato stabile e solido per i prodotti a base canapa, che possa sopportare bene la concorrenza globale.

Abbiamo sentito ripetere in ogni occasione, ed in tutte le salse che la canapa italiana era la migliore del mondo, ma sappiamo che non basta seminare sul suolo italico per fare un prodotto di eccellenza, bisogna porre estrema attenzione a tutte le operazioni produttive, dal seme al telaio, alla casa finita, ecc., per mettere a frutto l’esperienza artigiana che ha sempre contraddistinto i prodotti Made in Italy.

Siamo dunque al fianco di coloro che vogliono condividere la propria esperienza e farne patrimonio comune, “fare rete” si dice oggi, indicando le problematiche emerse e le soluzioni che ciascuno ha escogitato nella propria realtà.

Cesare Tofani – presidente Toscanapa

Fonte: Toscanapa.com